ab medica s.p.a. sviluppa e diffonde i prodotti medicali più innovativi nei settori della Robotica, Chirurgia mininvasiva, Cardiologia interventistica, Radiologia, Anestesia e Rianimazione.

SPECIALISTI

ab medica segue i professionisti della Cardiologia fornendo il meglio delle tecnologie esistenti.

case study

Transcatheter PDA closure of 68 year-old, 63 years after surgical PDA closure
Amplatzer PDA Occluder case study Il case report del Dr John Bass della University of Minnesota riguarda il trattamento del dotto di botallo con il device PDA Amplatzer. La procedura viene eseguita inserendo un catetere nella vena femorale destra; raggiunta...

pubblicazioni scientifiche

Associazione Bambini Cardiopatici nel Mondo
Circulation, Journal of the American Heart Association, February 27, 2007 L'Associazione Bambini Cardiopatici nel mondo nasce nel 1993 a Milano dall’ispirazione e dalla volontà di un gruppo di medici volontari italiani, guidati dal Prof. Alessandro Frigiola e dalla Prof.ssa Silvia...

« XIII World Congress on Cardiac Pacing and Electrophysiology | Main | MEMO 2007 »

Cardiologia

Le patologie legate a problemi cardiologici dell’età evolutiva possono essere diagnosticate addirittura in fase prenatale, e trattate con sistemi non invasivi che permettono di chiudere i difetti interatriali per via percutanea senza ricorrere alla chirurgia invasiva.

I risultati delle collaborazioni fra industria e clinica

Le industrie produttrici di strumentazioni mediche collaborano sempre più con gli Istituti medici. E’ l’esempio dell'Ospedale di San Donato Milanese, il cui gruppo di Cardiologia Interventistica ha da poco pubblicato una ricerca sull'utilizzo di un nuovo device per interventi di chiusura percutanea di difetti cardiaci congeniti, i difetti interventricolari (DIV), per i quali il nuovo dispositivo, introdotto tramite catetere, ha mostrato caratteristiche morfologiche e di adattabilità decisamente più eclettiche rispetto ai dispositivi precedenti.

Il Dr Butera, medico presso il Dipartimento di Cardiologia Pediatrica e Malattie congenite nell’adulto del Policlinico di San Donato, spiega che “I DIV consistono in un foro nella parete che divide il ventricolo sinistro da quello destro (setto interventricolare). Tale difetto permette al sangue di passare dal ventricolo sinistro, dove c’è una pressione superiore, a quello destro: il ventricolo sinistro si svuota in aorta ed invia una certa quantità di sangue nel ventricolo destro e quindi nell’arteria polmonare. In genere questo buco si chiude spontaneamente nei primi anni di vita; se questo non avviene allora si deve parlare di malattia cardiaca congenita.”
Il difetto interventricolare rappresenta la malformazione cardiaca più diffusa, rappresentando circa il 30% di tutte le cardiopatie congenite (fonte: Giornale Italiano di Cardiologia Pratica).
Un DIV piccolo non genera alcun problema al bambino ed è riscontrato tramite l’unico segno visibile: un soffio cardiaco. E’ importante, spiega il Dr Butera, “misurare le dimensioni del foro e la pressione e quantità di sangue che affluisce mediante questa anomala comunicazione.”
In relazione alle dimensioni del foro variano i segnali d’allarme e la gravità del difetto.
I segnali d’allarme che i genitori devono prendere seriamente in considerazione, per richiedere gli accertamenti, precisa il Dr Butera, sono: “Una crescita rallentata del bambino, difficoltà respiratorie, come un respiro affannato, difficoltà di suzione nei lattanti o di alimentazione, e ricorrenti infezioni respiratorie polmonari”. Gli esami da effettuare sotto stretto controllo medico comprendono l’elettrocardiogramma, la radiografia del torace, e l’ecocardiografia (in particolare l’ecografia bidimensionale associata ad un color doppler); tutti esami semplici e non invasivi. Altre indagini diagnostiche sono invece un po’ più complesse come il cateterismo cardiaco, svolto in anestesia locale e consiste nell’inserimento di un catetere nella vena e uno nell’arteria femorale che raggiungono il cuore. Questo esame permette di valutare il rapporto tra la portata polmonare e quella sistemica, le resistenze polmonari, nonché dimensione e sede del DIV.
In base ai risultati ottenuti con gli esami si deve decidere per l’intervento più appropriato.
Il cateterismo cardiaco ha subito negli ultimi 15 anni una progressiva ed importante trasformazione, da esame con funzione puramente diagnostica da eseguire prima di un intervento chirurgico, ad esame interventistico con l’obiettivo di correggere le malformazioni anche su pazienti molto piccoli. Ricorda il Dr Butera di un’operazione su un bambino di pochi mesi: “era arrivato da noi in ospedale a seguito dell’intervento di chiusura chirurgica, dopo il quale era avvenuto un parziale distacco dell’elemento impiantato dalle strutture intracardiache. Le condizioni erano critiche, il bambino era intubato e sottoposto a terapia intensiva. Grazie all’intervento di chiusura percutanea, utilizzando un device di pochi millimetri, siamo riusciti a salvare il bambino e a risolvere il difetto.”
La chiusura percutanea dei DIV presenta vantaggi importanti quali l’assenza di cicatrici, la riduzione della degenza a soli due giorni, assenza, nella maggior parte dei casi, di terapia intensiva, e riduzione netta della convalescenza.
Tutti questi vantaggi sono stati anche dimostrati nello studio appena concluso e presentato dal Dr Butera su un campione di 104 pazienti, con età media di 14 anni, osservati per 7 anni dalla chiusura percutanea con il device del foro interventricolare. Tale esperienza ha registrato un continuo miglioramento.
Circa il 96% degli interventi sono mostrati del tutto soddisfacenti e ben riusciti. Le complicazioni generate (11,5%) si sono risolte nella maggior parte dei casi. La complicanza più grave è stata il blocco totale intraventricolare accusato in 6 pazienti.
Il DIV più frequente è quello perimembranoso, localizzato nella parte alta del setto vicino alla aorta, con il rischio di interferire con la valvola aortica impiantando un dispositivo occlusore in quella sede. Mentre in passato questo intervento era lasciato alla chirurgia tradizionale, oggi, con dispositivi detti “eccentrici” si effettua anche questo tipo di occlusione. Il device attualmente disponibile è il risultato di almeno dieci anni di studi e nasce dalla collaborazione fra industria e clinica. Il disco che viene posizionato ed impiantato nel foro è di solo 1 mm, evitando così di danneggiare la valvola aortica.
Il Dr Butera spiega però che oggi non sono molti gli ospedali in Italia ad utilizzare questa pratica. In effetti l’uso clinico a livello internazionale di questo dispositivo è iniziato due anni fa, e proprio l’esperienza dell’ospedale di San Donato è la più ampia d’Europa. Il primo Registro Europeo sulla chiusura percutanea dei DIV, concluso questo Novembre, ha avuto come coordinatore il Dr Carminati, Direttore di Cardiologia Pediatrica presso l’Ospedale di San Donato a Milano.

Glossario:
- Device: dispositivo

I dati e le informazioni contenuti nel presente articolo hanno carattere scientifico e divulgativo e non sono destinate a fornire l'indicazione di trattamenti terapeutici adottabili fuori dal controllo medico. In caso di necessità, si raccomanda di consultare il proprio medico curante che è l'unico in grado di individuare caso per caso i corretti trattamenti sanitari e farmacologici più adeguati. ab medica declina ogni responsabilità con riferimento alle conseguenze di un uso dei contenuti del presente articolo non conforme alla finalità per le quali è stato pubblicato.

Pazienti

ab medica crea informazione affinchè i pazienti possano scegliere la soluzione migliore.

articoli divulgativi

Il telesoccorso pugliese
L’informatica nella sanità italiana stenta ancora a partire. Analizzando le aziende sanitarie si vede come solo il 7% permette il pagamento del ticket via web, il 22% consente di prenotare gli esami on line e il 19% dei casi è...

eventi