Siete tutti benvenuti a 'RoboTown'

ufficio stampa ab medica - mercoledì 26 settembre 2018

Dopo il successo dell’anno scorso, con oltre 10.000 presenze, Pisa torna ad ospitare il Festival Internazionale della Robotica. La manifestazione, della durata di ben 7 giorni si articolerà in numerosissimi eventi che avranno casa in alcune delle location più note della città: dagli Arsenali Repubblicani e la Stazione Leopolda, al Teatro Verdi, fino alla Scuola Normale Superiore di Pisa, la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa…

"Perché proprio Pisa? Perché in questa città è nata la robotica. E poi perché nella città della Torre e in tutta l'area pisana c'è una vastissima concentrazione di ricerca, industria, produzione ed eccellenza. E' una città all'avanguardia dal punto di vista scientifico e questo Festival mira proprio a valorizzare le nostre eccellenze. Dalla medicina all'ingegneria passando per i beni culturali e la cooperazione umanitaria fino ad arrivare all'economia. L'offerta è vastissima. Uno degli obiettivi della nostra sette giorni, oltre a mantenere un elevatissimo livello scientifico, è far conoscere alla gente la robotica. Avvicinare tutti quanti a questo settore affinché non ne abbiano paura quanto semmai imparino a riconoscerne i vantaggi e i benefici che può offrire. La robotica intesa come strumento, come aiuto, come collaboratore in moltissime discipline. Non solo medicina e chirurgia ma anche nella vita quotidiana" spiega il Prof. Franco Mosca, Direttore del Festival.

Una seconda edizione fatta di conferme, come il parterre di promotori del Festival: Regione Toscana, Comune e Provincia di Pisa, Università, Scuola Normale Superiore, Scuola Superiore Sant'Anna, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant'Anna, Centro di Ricerca 'E.Piaggio', Centro di Eccellenza Endocas, Irccs Fondazione Stella Maris, Camera di Commercio, Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana, Fondazione Arpa.

Un’edizione, quella 2018, che però promette anche molte novità, in un calendario di eventi fittissimo e che spazia dagli incontri di carattere scientifico, alle occasioni dal tono più divulgativo, con spettacoli musicali e appuntamenti culturali.

 “Le belle esperienze non devono concludersi ma essere replicate e, se possibile, migliorate. Con questo obiettivo siamo ancora a Pisa per continuare a parlare con il pubblico di innovazione medicale, portando le nostre tecnologie “di punta. Un percorso a tappe che guiderà il visitatore in un itinerario alla scoperta delle innovazioni, le soluzioni, i devices che stanno cambiando il volto della medicina. Si parlerà di telemedicina e telemonitoraggio tramite il sistema Intouch Vita e la piattaforma WinPack, si descriverà la robotica rappresentata dalle piattaforme da Vinci e Mako, si affronterà poi la chirurgia con Vivostat e Airseal, senza dimenticare di indagare il tema della disinfezione ospedaliera assicurata da Light Stryke. Anche il nostro reparto R&D avrà uno spazio in questo percorso tematico: al Festival verrà presentato Helmate, un caschetto capace di registrare l’attività cerebrale umana, così da identificare precisamente il focolaio delle crisi epilettiche nei pazienti affetti da questo disturbo e per supportare le persone con disabilità motorie, controllando dispositivi esterni” anticipa Francesca Cerruti, Direttore Marketing e Comunicazione ab medica.

Al centro, come sempre, la robotica e le sue innumerevoli applicazioni: la tecnologia infatti ha un ruolo sempre maggiore nella vita di ciascuno, nella sanità, come nell’industria, tanto nella cooperazione umanitaria quanto nella nautica da riporto, nello sport, persino nel recupero e la conservazione dei beni culturali. Questi e molti altri gli aspetti che verranno dibattuti con la speranza di intercettare le curiosità, gli interessi e le perplessità di un pubblico sempre più curioso.



<< TORNA