Nuove frontiere nel trattamento dell'epilessia e dei disturbi funzionali del cervello

ufficio stampa ab medica - giovedì 8 settembre 2016

7 settembre

E’ in programma per questa sera a Montreal il seminario “Frontiers in the treatment of epilepsy and functional brain disorders: from Cyberknife radiosurgery to wireless brain prosthetics”. Chairman dell’incontro sarà il dottor Pantaleo Romanelli, direttore scientifico di ab medica, che parlerà di Cyberknife e Cyberbrain.

Il primo dispositivo consiste in un sistema robotico per la radiochirurgia e la sua esclusiva è il braccio robotico che muove l’acceleratore lineare (LINAC) con sei gradi di libertà nello spazio intorno al paziente: un aspetto molto importante, che assicura il vantaggio di correggere la direzione del fascio di trattamento in funzione degli spostamenti del target, in maniera del tutto automatica e senza interruzioni o riposizionamenti del paziente. Inoltre, il robot è in grado di muovere il LINAC nello spazio intorno al paziente, generando un elevato numero di fasci di radiazione a diversa orientazione in una geometria 3D non coplanare.

Il dispositivo medico Cyberbrain, fiore all’occhiello dei progetti di ricerca e sviluppo di ab medica, è invece un elettrodo impiantabile che consente l’acquisizione e il monitoraggio dei segnali bioelettrici provenienti dal cervello. Rappresenta, oggi, un sistema intracranico unico per la trasmissione di segnali cerebrali in modalità wireless, applicabile nei casi di epilessia per la prevenzione delle crisi, nei pazienti con deficit neuromotori per stimolarne i movimenti, per la cura del dolore e per lo sviluppo del Brain Computer Interface.



<< TORNA