La prevenzione si legge… in faccia

Ufficio stampa ab medica - mercoledì 13 novembre 2019

Se ottobre è dedicato al mondo femminile, novembre è invece incentrato sulla salute maschile.

I dati non mentono: Il cancro della prostata è la seconda forma cancerosa più diffusa tra gli uomini in tutto il mondo. Si tratta di una patologia che, se diagnosticata in tempo, può essere efficacemente trattata. La sua incidenza cresce con l’età, ma anche l’etnia, la storia familiare, lo stile di vita risultano fattori determinanti.

Dal 2000, con l’introduzione e diffusione del test del PSA si è assistito ad un sensibile aumento di casi di tumore prostatico. Questo esame, affiancato a regolari visite urologiche è essenziale per diagnosticare tumori in stadio ancora primitivo, tanto più che il carcinoma prostatico risulta essere spesso silente.

Le opzioni terapeutiche attuabili in caso di tumore prostatico sono diverse: dalla sorveglianza attiva, alla radioterapia, passando per la terapia ormonale, chemioterapia, fino alla prostatectomia.

Proprio per sensibilizzare gli uomini – sempre restii ad abbracciare la buona abitudine di una prevenzione regolare – è nato Movember.

Ma di cosa si tratta? Il nome fornisce un chiaro indizio, combina infatti la parola “Moustache” (ovvero baffi) con November. I supporters di questa campagna scelgono infatti  di “cambiare il proprio look”, facendosi crescere i baffi… e cambiando così il volto della salute maschile. È un segno evidente di attenzione e di un’educazione alla salute che deve diventare un bagaglio di ciascuno.



<< TORNA