WORLD CANCER DAY 2020

ufficio stampa ab medica - martedì 4 febbraio 2020

Era il 4 febbraio 2000 quando, a Parigi, venne istituita la Giornata Mondiale contro il cancro. Da quel momento abbiamo una data esemplificativa di un atteggiamento di sensibilizzazione al tema della malattia oncologica.

Come si colloca l’Italia in questo scenario? Il nostro Paese “vanta” uno tra i più alti tassi di sopravvivenza tra quelli europei. Ma entriamo più nel dettaglio. I numeri parlano chiaro: solo dieci anni fa erano 2 milioni e 250mila le persone che vincevano la loro battaglia al tumore. La situazione attuale? Abbiamo un’istantanea dello Stivale con un rincuorante aumento (nell’ordine del 53%) dei pazienti sopravvissuti. A distanza di 5 anni dal momento della scoperta del cancro gli italiani possono contare su una speranza di vita invidiabile nei tumori più diffusi: 90% prostata (87% EU), 86% nella mammella (83% EU), 64% nel colon (60% EU), 16% polmone (15% EU).   

Si tratta indubbiamente di un dato estremamente positivo e incoraggiante, frutto di una “ricetta” efficace che combina i seguenti ingredienti:

  • Prevenzione
  • Stili di vita adeguati
  • Ricerca continua
  • Cure appropriate

L’impegno però deve continuare perché solo così “I AM, I WILL” ovvero “Io sono e farò”.



<< TORNA