Il Gruppo ab medica completa la sua offerta di soluzioni per la telemedicina

ufficio stampa ab medica - martedì 1 dicembre 2020

Cerro Maggiore (MI), 1 dicembre 2020 – Con effetto dal 1° dicembre 2020, ab medica integra, tramite un’operazione di fusione per incorporazione, la società Telbios Srl e tutte le sue attività - i dipendenti, l’ambulatorio di telemedicina, il centro servizi specializzato, la piattaforma tecnologica e i brevetti- con la finalità di consolidarle strategicamente nelle attività principali del Gruppo ab medica, valorizzando e potenziando l’asset della telemedicina all’interno del proprio ambito di attività.

ab medica, nota come l’azienda che ha introdotto in Italia e nel Sud Europa la chirurgia robotica da Vinci, con questa operazione si conferma punto di riferimento nell’innovazione, rafforzando il suo ruolo all’interno del perimetro della telemedicina e consolidando un’offerta di prodotti e servizi proprietari per la smart health.

Una conferma che ha seguito un preciso iter storico, da quando 11 anni fa ci fu l’ingresso nel Gruppo di A TLC, realtà anconetana che assicurò hardware e soluzioni proprietarie nelle telecomunicazioni. Seguì nel 2010 l’acquisizione di Telbios, una delle prime aziende italiane ad essersi occupata di telemedicina, che ha sviluppato negli anni servizi di teleassistenza, telecardiologia e telemonitoraggio domiciliare attraverso soluzioni tecnologiche innovative e un Centro Servizi competente e specializzato, fondamentale anello di congiunzione tra medico e paziente.

“Oggi posizioniamo l’ultima tessera di un mosaico articolato e ricco di valore per l’intero sistema sanitario – commenta Francesca Cerruti, CEO ab medica – Per medici e specialisti sarà possibile prendere realmente in carico il paziente, aprire una finestra sulla sua salute attraverso una piattaforma di telemedicina accessibile sempre e ovunque, sicura e integrabile con i sistemi di cura già esistenti, capace di offrire tutto il meglio in termini di innovazione. Con l’operazione di fusione annunciata oggi, confermiamo l’impegno dell’intero Gruppo nel coniugare le più innovative soluzioni tecnologiche con le competenze più avanzate, riportando al centro la persona e una cura attenta, continua e sempre più personalizzata”.

Fondata nel 1984 da Aldo Cerruti, tuttora Presidente della società, ab medica ha introdotto più di 20 anni fa in Italia la chirurgia robotica, conquistandosi nel tempo l’identità di azienda italiana leader nella produzione e nella distribuzione di tecnologie medicali. La società impegnata sul fronte dell’emergenza sanitaria e della sanificazione avanzata con il dispositivo LightStrike di Xenex, l’unico a essere supportato da studi clinici attestanti la sua efficacia contro il virus Sars Cov2, chiuderà un esercizio 2020 senza segnali di contrazione, impegnandosi nel medio termine a consolidare la metà del fatturato con prodotti e servizi progettati e sviluppati direttamente.

 

ab medica

Fondata nel 1984 da Aldo Cerruti, tutt’ora presidente della società, ab medica è oggi l’azienda italiana leader nella produzione e nella distribuzione di tecnologie medicali e dispositivi medici indossabili, nonché punto di riferimento per la robotica chirurgica. Sono parte del Gruppo ab medica diverse aziende orientate all’innovazione nella medicina, tra cui A TLC (società leader nel mercato globale delle telecomunicazioni), Genomnia (genomica e bioinformatica), Medical Labs (produzione di dispositivi medicali per la chirurgia mininvasiva), Pacinotti (distribuzione di dispositivi medici), Officine Ortopediche Rizzoli (produzione di protesi, apparecchi ortopedici, ausili e attrezzature ospedaliere) e Abex Excelencia Robótica (distribuzione chirurgia robotica da Vinci in Spagna e Portogallo). Il Gruppo ab medica opera in modo sinergico nel segno della complementarietà e di una profonda condivisione di intenti che ha portato al raggiungimento per l’anno 2019 di un fatturato di 315 milioni di euro e di un totale di 630 dipendenti.

 



<< TORNA