Di donne e di endometriosi, quando la capacità di collaborazione si fonda su un entusiasmo comune

ufficio stampa ab medica - venerdì 15 ottobre 2021

“Di Donne e di endometriosi” è la terza storia di Dire Fare Curare, la serie podcast realizzata da ab medica dedicata a storie di cura eccellenti. Protagonista il percorso di cura della ventinovenne Laura Chiara Pigoni, inizialmente ricoverata all’Ospedale di Baggiovara per una semplice appendicite. Sarà attraverso un’ulteriore diagnosi accurata prima e l’intervento realizzato con il robot da Vinci Xi poi che l’equipe della Dottoressa Micaela Piccoli, Direttrice dell’unità operativa complessa di chirurgia generale d’urgenza e nuove tecnologie dell’Ospedale Civile di Baggiovara e del Dottor Carlo Alboni, Responsabile del centro per la diagnosi e la cura dell’endometriosi pelvica del Policlinico di Modena, risolverà il problema di endometriosi profonda di cui soffriva la paziente.

La chirurgia robotica, con l’ultima generazione del robot da Vinci Xi, in dotazione presso l’Ospedale Civile di Baggiovara, ha favorito un approccio multidisciplinare di continuo confronto fra i due chirurghi, anche durante l’intervento. L’unicità della doppia console del sistema da Vinci ha consentito a due équipe mediche di specialità differenti di operare contemporaneamente sulla paziente, agendo su organi diversi simultaneamente. L’utilizzo del sistema da Vinci ha reso possibile in questo modo di ottimizzare al massimo la possibilità di cura.

“Una capacità di collaborazione che si fonda su un entusiasmo comune nell’approccio della patologia e sull’intento di ottenere il migliore risultato a favore del paziente”, dichiara la dott.ssa Micaela Piccoli. “La storia di Chiara è quella di tante giovani donne che come lei soffrono inconsapevoli che è possibile intervenire per trattare l’endometriosi con le tecnologie più innovative e all’avanguardia che possono consentire di raggiungere risultati molto più efficaci, riducendo i rischi di recidiva e migliorando decisamente la qualità di vita”.  

Poco conosciuta e con un alto rischio di recidiva, l’endometriosi è tra le patologie femminile più invalidanti. Solo in Italia sono 3 milioni le diagnosi conclamate e di queste molte vengono riconosciute con un ritardo di 10 anni circa: “La diagnosi dell'endometriosi deve partire da un’informazione corretta e da un cambio culturale molto importante. Non riuscire ad alzarsi dalla seggiola o dal letto, in concomitanza del ciclo mestruale, assume una forma patologica. Interrompere questo circolo vizioso che porta la donna a sopportare e normalizzare è il primo passo” spiega il Dott. Carlo Alboni.

“Non potevo immaginare che, da un semplice ricovero per appendicite, lo scorso marzo, la mia vita venisse improvvisamente travolta”, racconta Laura Chiara. “Quando mi hanno diagnosticato l’endometriosi, una grande paura mi ha subito investito, ma ho sempre avuto una grande fiducia nella dott.ssa Piccoli. Dalla mia esperienza, quello che consiglierei alle altre ragazze è di superare i tabù, parlare più apertamente delle proprie sensazioni e soprattutto imparare ad ascoltare i segnali del proprio corpo”.

È possibile ascoltare la storia completa, disponibile da oggi su Spotify e sulle principali piattaforme di distribuzione, a questo link.

 



<< TORNA